Loading
ordine disordine

Adolescenti e tranquillità

Ma davvero c’è una congiunzione tra le due parole?
Perché starebbe meglio una disgiunzione, una bella “o”. Adolescenti o tranquillità: tutti i genitori di adolescenti sanno che se ci sono gli adolescenti non c’è tranquillità.
Se ci sono adolescenti in casa, c’è casino. Con due gesti (lancio dello zaino mentre tolgono la giacca e lancio delle scarpe) riescono a far sembrare la stanza come se fosse abitata da 10 persone. Per non dire del dover alzare la voce perché hanno le cuffiette, del dover fare la caccia al tesoro per tutto ciò che “l’holasciatolìmanonc’èpiù”.

Una vita movimentata, con loro.

Quindi, Anna, davvero ci vuoi mettere una congiunzione lì in mezzo?
Assolutamente si.
Ora vi spiego.
Io sono madre di un 15enne. Madre part time. Vive con me una settimana, poi sta con il padre la settimana successiva.10 secondi dopo la sua partenza per andare dal padre, la casa e la mia vita si trasformano.
Compaiono improvvisamente silenzio, ordine e pulizia. E quindi, direte voi, la tranquillità!
In un certo senso si, tutto diventa tranquillo intorno a me.
Intorno a me. Ma io non sono tranquilla, dentro.
Io sono tranquilla dentro, in pace con la vita, quando disordine rumore scomparse e dimenticanze sono in casa, insieme a mio figlio. Io sto meglio quando lui vive l’adolescenza con me.
Lo so, cari genitori fulltime, che vorreste una pausa ogni tanto, lo so, vi comprendo benissimo.
Avete diritto, a desiderarla, un po’ di tranquillità.

Allora?

Allora questo è solo un invito a considerare che ci sono almeno due tipi di tranquillità relativamente ai figli adolescenti.
Quella che deriva dalla lontananza dei figli e quella che deriva dalla loro presenza.
Ad ognuno di noi la ricerca del proprio equilibrio.

Leave a Reply