Loading

La Carta dei diritti del Genitore libero dall’esser perfetto in vacanza

Udite udite: la SIP, Società italiana di Pediatria, alcuni anni addietro, ha promulgato la “Carta dei diritti del bambino e dell’adolescente in vacanza” dove si ricorda che se un teenager “è già in grado di apprezzare le bellezze di un viaggio in posti nuovi o città d’arte, ha anche una grande esigenza di socializzazione, per cui sarebbe opportuno garantirgli una vacanza in cui abbia la possibilità di stare in compagnia non solo di adulti”.

Per carità, non discutiamo sulle indicazioni, ma per controparte oggi vogliamo promulgare la “Carta dei diritti del Genitore libero dall’esser perfetto in vacanza”.

  1. Diritto a evitare di accendere forno e fornelli

Non ci saranno deperimenti o decessi con una somministrazione di pasti freddi. 

  2. Diritto a leggere un libro intero

Senza esser interrotti ogni due minuti per esigenze che posson esser risolte da soli, chiamando all’azione un paio di neuroni liberi.

  3. Diritto a scollegare l’apprensione per qualche momento

Il figlio dovrà usare i neuroni sopra citati in modo da innescare la prudenza e non andare in moto senza casco, non tuffarsi da scogli assassini o immergersi in acque gelide dopo aver ingollato sei panini al salame e cinque pizzette.

  4. Diritto a uscire a cena con il/la consorte senza musi intorno

È bene che la progenie, se invitata, si sforzi di partecipare al convivio con atteggiamenti positivi. Si accettano anche paresi facciali simili a sorrisi.

  5. Diritto a scomparire/crepare/dissolversi/squagliarsi sulla sdraio

Se l’adolescente ha diritto al dinamismo, il genitore al contrario, se lo desidera, ha diritto allo staticismo. Poiché corre tutto l’anno, non deve vergognarsi nel caso auspichi a una vacanza a corpo morto in spiaggia.

  6. Diritto a non lavare i costumi del figlio

A meno che il figlio adolescente non sia affetto da qualche seria patologia invalidante l’uso delle mani, il genitore può soprassedere a questa incombenza (che già tirar fuori la sabbia dal proprio non è cosa da umani).

  7. Diritto a dormire come, quando, dove e quanto lo si voglia!

Se il genitore fa fatica a uscire dal suo ruolo di veglia perenne deve aiutarsi con yoga, campane tibetane, camomilla e in ultimo… il Lexotan. In vacanza il genitore deve riposare quindi se la prole rientra tardi dalla discoteca si deve evitare di sbatter la porta, pestare la coda del gatto e tirare sei volte lo sciacquone. Va bene anche non lavarsi i denti!

  8. Diritto a non rispondere alle provocazioni

Il genitore deve diventare temporaneamente sordo ai lamenti o peggio ai feroci commenti dei figli. In più, deve poter ascoltare in libertà Vasco Rossi, gli ACDC, Guccini, De Andrè, i Doors e perfino Jovanotti per 15 giorni di ferie. Gli adolescenti normalmente hanno una quantità di cuffiette da poterle distribuire a tutti gli abitanti del paese in cui si soggiorna… per cui, isolarsi da musiche che non si capiscono non è cosa impossibile.

  9. Diritto a non rispondere immediatamente ai loro messaggi se sono del tipo: “Pa, ci vieni a prendere fuori dalla discoteca alle 3? Siamo in sei ma ci schiacciamo dai”

Ci sarà pure un altro padre deficiente disposto a tanto, no?

Oppure: “Mà, mi porti il costume in doccia che mi devo cambiare?” (No, figlia, non mi rispondi per quattro ore quando ti chiamo per sapere come è andato l’esame di maturità, quindi io ora non ti rispondo per portarti un costume che è distante tre metri del bagno… usa le tue lunghe gambe e l’avambraccio).

  10. Diritto a indossare il costume che si vuole

Ultimo ma non meno importante: se il padre non è più tonico e sull’addome sfoggia un promontorio degno di Capo Rizzuto o la madre non è esattamente una Barbie nel suo due pezzi rosa anni 90, SONO DA EVITARE SGUARDI GIUDICANTI!

Il mare è vasto e così pure il cielo sopra le montagne: AZZ… fissate pure altri orizzonti e lasciateci in pace per 15 giorni!

BUONA VACANZA A TUTTI e, nel caso in cui i figli vi molestino, fate come noi: occhiali da sole e ghiacciolo alla mano!

Passerà in fretta anche questa volta!

Leave a Reply