Loading

Alessandra

Eccomi qui, ad una festa di carnevale degli anni ’80.
Costume da sciantosa, questa foto rappresenta proprio come vedevo il mondo allora: feste, risate, amici.
Sciantosa con un cuore rock, aspettavo che mettessero i Rolling Stones o Tina Turner, che erano le mie passioni, per ballare scatenata.
Col gruppone di amiche si usciva tutte insieme e immaginavamo che il futuro sarebbe stato sempre così, con i nostri pensieri di indipendenza e libertà da qualunque vincolo.
Ci sembrava di essere molto moderne, ma se confronto gli orari e la libertà che hanno adesso gli adolescenti noi eravamo delle santarelle.
Io partecipavo a tutto quello che era creativo: corsi di teatro, pittura, decorazione, che probabilmente mi aiutavano nei momenti di crisi cosmica adolescenziale.
Devo dire comunque che ancora adesso, vergognandomi un po’, quando sento quelle vecchie canzoni ballo ancora come allora…

Breve bio: Alessandra è indubbiamente la più invidiata di tutte le amiche.
L’espressione dolce del volto e i tratti giovanili le sono rimasti cuciti addosso tali e quali nonostante per tutte noi sia accaduto un mutamento cutaneo. Non sempre in meglio. Essendo simpatica e gentile ahimè non si può non volerle bene.
Creativa, allegra e flessibile come un tempo, oggi mette in campo le sue doti con due ragazzi pieni di adolescenza, il mestiere di architetto, mille hobby ed un marito che per lavoro ha sempre viaggiato molto.
Pare che come madre, anche lei, sappia urlare come una belva, ma noi, facendo uno sforzo e pensandola preda di un raptus, non possiamo che immaginarcela tutt’al più mentre canta a squarciagola “I can’t get no satisfaction”!

 

Leave a Reply